Residuo fisso e calcoli renali: Quale acqua bere?

//Residuo fisso e calcoli renali: Quale acqua bere?

Le acqua dure sono pericolose per chi soffre di calcoli renali?

I primi studi compiuti a partire dagli anni ’50 dello scorso secolo parevano confermare l’ipotesi che la calcolosi fosse più frequente quando si beveva acqua “dura”, cioè ad elevato residuo fisso, ricca in sali di calcio e magnesio. Ma in studi successivi queste conclusioni oltre a non essere confermate sono state smentite e hanno evidenziato addirittura l’esatto opposto.
L’alta percentuale di calcio nell’acqua, secondo alcuni studi epidemiologici, tende a legare il “pericoloso” ossalato di origine alimentare all’interno dell’intestino, impedendone l’assorbimento e la successiva filtrazione da parte dei reni.
Ad oggi restrizioni particolari non sembrano giustificate e questa teoria molto diffusa nelle campagne pubblicitarie delle acque minerali risulta infondata.

Ma da cosa sono costituiti i calcoli renali?

I calcoli renali sono formati da:
– 70-80% dei casi: calcio ossalato o calcio ossalato + calcio fosfato
– 10-15% dei casi: fosfato di ammonio e magnesio (struvite). Sono correlati ad infezioni delle vie urinarie.
– 10-15% dei casi: acido urico
– 1% dei casi: cistina

L’opinione comune spesso equipara calcio, ossalato di calcio, carbonato di calcio e calcare ma non sono la stessa cosa. Sono elementi chimici diversi.
Ciò che troviamo disciolto nell’acqua è il Carbonato di calcio. In base alla concentrazione di carbonato di calcio le acque vengono classificate come “dolci” o “dure”.
L’Ossalato di calcio è invece un sale che deriva dall’acido ossalico, si presenta sotto forma di cristalli ed è presente nelle nostre urine.
L’ossalato di Calcio presente nell’organismo deriva sia dall’apporto diretto di piante che ne sono ricche, sia dalla salificazione del calcio alimentare con l’acido ossalico contenuto negli alimenti, sia dalla produzione endogena (ad esempio a partire dalla vitamina C). Per questo, oltre a sottrarre calcio all’organismo, l’ingestione frequente di cibi ricchi di acido ossalico può favorire l’insorgenza di calcolosi renale in soggetti predisposti.

Come prevenire i calcoli renali?

Sicuramente bevendo acqua regolarmente durante la giornata.
La semplice diluizione delle urine può influire beneficamente :
– Sulla riduzione della precipitazione in cristalli dei sali che costituiscono i calcoli;
– Rendendo difficile l’aggregazione dei cristalli stessi;
– Facendo in modo che eventuali piccoli aggregati già formati vengano espulsi con l’urina

Quale acqua bere?

Non ci sono particolari indicazioni su quale acqua sia migliore di altra.
Ti consigliamo Oxygizer che oltre ad essere povera di sodio, è l’acqua che contiene più ossigeno al mondo a tutto vantaggio della salute.
L’alta percentuale di ossigeno contenuta in Oxygizer rinvigorisce le cellule, migliora la concentrazione, lo stato generale di salute e molto altro ancora.
Scopri tutti benefici dell’ossigeno! Vai su www.oxygizer.it

Fonti: http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1212-calcolosi-renale-dilemma-acqua-quanta-bisogna-bere.html?refresh_ce
https://www.my-personaltrainer.it/salute/ossalato-di-calcio-urine.html